Vigneti

GESTIRE
L’INDISPENSABILE

100 ettari di seminativi, boschi e pioppeti, di cui 20 dedicati a vitigni locali. Vigne di barbera vecchie più di 80 anni. Solo uve di proprietà.

Hic et Nunc può contare su di una biodiversità paesaggistica rara all’interno del contesto vitivinicolo piemontese, dominato dalla monocultura. Una diversità che abbiamo deciso di preservare attraverso pratiche vitivinicole particolarmente attente al contesto paesaggistico.
Il nostro rispetto per il paesaggio si traduce nella difesa dei suoli: inerbimento dei filari, attenzione a non esasperare la compattazione e il dilavamento dei suoli, trattamenti ridotti al minimo.

Lavoriamo tutte le vigne a mano e vinifichiamo soltanto le uve dei nostri appezzamenti. Adottiamo pratiche virtuose per il controllo “termico” del vigneto, fondamentale in una fase di cambiamento climatico come quella che stiamo attraversando.

Un doppio passaggio in vigna per lo sfoltimento della chioma in base all’esposizione assicura ai grappoli di essere sempre esposti in modo adeguato: senza scottature, lesioni degli acini o, peggio ancora, arresti di maturazione. Una conduzione agronomica “ragionata” e calibrata sulla base di situazioni da valutare con attenzione vigneto per vigneto, anche in funzione dell’età e della vigoria delle piante, nonché della posizione e delle caratteristiche del suolo.
 

Noi la chiamiamo
“gestione indispensabile” del vigneto:
solo ciò che è strettamente necessario,
dove è necessario, quando è necessario:
Hic et Nunc.

 

SOLINO

Una vigna coltivata a barbera, con ceppi che superano i 50 anni di età. Un’esposizione baciata dalla fortuna, in pieno sud, con sole dalla mattina al tramonto. Ubicata dirimpetto alla cantina, Solino regala Barbere di ampio ventaglio aromatico, eccezionale frutto e struttura.

BOSSOLA

Storico vigneto di Regione Mongetto coltivato a barbera, il cui toponimo, vezzeggiativo di «bosso», svela l’antica presenza di un boschetto, tagliato in epoca napoleonica per lasciar spazio ai filari. Il terreno rosso, argilloso-calcareo, si traduce in Barbera di carattere, strutturate e longeve, di ottima persistenza.

BUSSONE - BRICCO

Vigneto coltivato a grignolino, nebbiolo e dolcetto, che si estende per 5 ettari dietro la cantina fino alla sommità del Bricco dove cresce un boschetto, a 400 metri di altezza.
Ben esposto a sud-est, prende il nome dal piemontese bissa, le «biscie» di grosse dimensioni che qui si annidavano per godere del sole.
Terre bianche, ricche di arenarie siliceo-calcaree, le famose «pietre da cantone», che si rivelano essenziali per donare Grignolino e Nebbiolo educati e ben strutturati, ricchi di sapidità e profumi.
Nella parte bassa del vigneto vengono coltivate uve cortese che donano vini dallo straordinario bouquet floreale quando giovani, e complesse note idrocarburiche dopo qualche anno di affinamento.

CA’ MILANO

A fianco della cantina, coltivato a cortese, il vigneto Ca’ Milano prende il nome dall’antica Cascina padronale dove oggi sorge il wine-resort di Hic et Nunc, Ca’ dell’ebbro.
La pendenza digrada dolcemente verso il fondovalle ed è caratterizzata da un mix di terre bianche e rosse che garantiscono alle Barbere qui prodotte una struttura di tutto rispetto.

Ca’ Milano è l’emblema del nuovo sguardo che abbiamo adottato sul Monferrato: un vigneto “verde” e bistrattato rimesso in sesto attraverso una gestione oculata dei filari. Abbiamo creduto nelle sue potenzialità e oggi ci concede vini longevi, capaci di evolvere e nobilitarsi col tempo.

VASIO

Dal nome del vecchio proprietario, Vasio è la «vigna vecchia» della proprietà, coltivata a barbera. I ceppi furono piantati prima degli anni ’40 e oggi fanno valere tutta la loro “esperienza” regalando Barbera d’Asti di fattura superiore, dai profumi intensi ed eterei, strutturate ma morbide, molto persistenti.

BALDEA

Vigneto composto di più parcelle dedicato a barbera, cortese ma, principalmente alle uve di dolcetto. Un terreno esposto a nord rosso, ricco di marne argillose, fresco e ben ventilato, adatto a contenere il grado zuccherino di questo particolare vitigno che, se eccessivo, tende a far seccare il rachide, interrompendo la maturazione degli acini. Dalla Varina si ottengono Dolcetto giocati sulla finezza, squillanti, di grande ricchezza aromatica.
Hic et Nunc
Località Ca’ Milano, 7
Frazione Mongetto
15049 Vignale Monferrato (AL)
info@cantina-hicetnunc.it
Tel. +39 0142 67 01 65
CAMPAGNA FINANZIATA AI SENSI DEL REG. UE N. 1308/2013
CAMPAIGN FINANCE ACCORDING TO EU REGULATION NO.1308/2013
×
×